Potatura: obiettivi, metodi, tipologie

Come scegliere la pavimentazione esterna
25 Ottobre 2018
Spalare la neve: qualche consiglio
13 Dicembre 2018

Potatura: obiettivi, metodi, tipologie

Per potatura s’intende quella serie di interventi necessari a modificare e migliorare la naturale crescita e fruttuosità delle piante.

Di norma infatti essa viene fatta su piante arboree da frutto e su piante ornamentali; ognuna di esse necessita di una potatura diversa ed è meglio scegliere il tipo e i periodo più adatti per farla per ottenere i risultati desiderati.

Fra i principali obiettivi che portano alla pratica del nostro genere di potatura abbiamo:

  • la possibilità di dare alla pianta stessa la forma più adatta per poter usufruire al meglio della luce;
  • l’accelerazione dello sviluppo e della crescita degli alberi più giovani per far sì che raggiungano la struttura definitiva;
  • il raggiungimento dell’equilibrio fra le radici e la chioma, ma anche fra la fase vegetativa e quella riproduttiva, per avere la garanzia di un’alta produzione sia in termini di quantità che di qualità, in maniera costante.

In particolare, gli interventi maggiormente praticati da noi di Campagna SRL sono:

  • la Soppressione: taglio netto alla base di rami con conseguente asportazione grazie all’autocarro che ci permette di trasportare il legname in discarica;
  • la Cimatura e la Spuntatura: taglio dei nodi terminali dei rami (potatura verde, quindi estiva, nel primo caso, potatura invernale nel secondo);

Solitamente in base al tipo di potatura e al tipo di albero con cui si ha a che fare si utilizzano strumenti diversi (forbici manuali o pneumatiche, cesoie, seghe, o potatrici meccanizzate per le coltivazioni specializzate); nel nostro caso particolare effettuiamo servizi di potatura solo su alberi di grandi dimensioni servendoci del cestello e di pinze agroforestali.

In base allo scopo e alla stagione si differenziano più tipologie di potatura, ma noi di Campagna srl ci occupiamo principalmente di:

  • potatura di allevamento o di formazione: per dare alle piante più giovani la forma giusta perchè possano sfruttare al meglio spazi e luce.
  • potatura di riforma o di ristrutturazione: per variare la forma di un albero, non più idonea ai fini produttivi od ornamentali
  • potatura di ringiovanimento: per rinnovare le piante più vecchie, con riduzioni di chioma per poter ottenere nuovi getti;
  • potatura di risanamento o di rimonda: per eliminare le parti di chioma spezzate, disseccate o attaccate da parassiti
  • potatura invernale: per attivare la vegetazione con tagli più o meno drastici a seconda degli scopi
  • potatura verde o estiva: effettuata durante il ciclo vegetativo per deprimere il vigore vegetativo di alcune parti della pianta a favore di altre;
  • potatura in ambito forestale praticata su rami verdi per ottenere il sollevamento della chioma o rami secchi

Quando potare?

Nel periodo di riposo vegetativo e cioè dall’inizio dell’autunno allo spuntare dei primi germogli in primavera.

Esiste però anche la potatura verde, estiva, fatta per eliminare il superfluo e alleggerire la pianta.

Quanto tagliare?

Potare un albero non è facile ma esiste una regola base per non sbagliare: più l’albero è vecchio, più deve essere profonda la potatura.

Nel caso in cui dovessimo pensare alla potatura dei singoli rami, vale il contrario: i rami deboli vanno accorciati poco, quelli più vigorosi richiedono una potatura più invasiva.

SICUREZZA

Altra importante attività svolta dal nostro team legata al discorso potatura è quella relativa alla sicurezza di conseguenza all’abbattimento, alla rimozione o al risanamento di alberi pericolosi che potrebbero o hanno già causato

danni a cose e persone, grazie ai mezzi di cui disponiamo in grado di trasportare grossi tronchi, rami e quant’altro.

Visita la pagina dedicata alle nostre opere e contattaci per avere maggiori informazioni.